GRAMMATICA LATINA

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
LINGUA E LETTERATURA LATINA (L-FIL-LET/04)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

italiano

Obiettivi formativi

L'insegnamento di Grammatica latina è finalizzato all'acquisizione di solide competenze nella traduzione dei testi latini e nella comprensione dei fenomeni linguistici, all'acquisizione delle metodologie critiche indispensabili all'analisi puntuale dei testi e alla loro interpretazione critica.
Per consentire il raggiungimento degli obiettivi formativi è prevista la lettura diretta e l'interpretazione approfondita dei testi del corso monografico nelle lezioni frontali, che saranno supportate da altre attività di didattica assistita.
Gli studenti dovranno applicare le conoscenze disciplinari nel lavoro individuale su testi proposti come letture domestiche, da affrontare sul modello delle attività in aula.
A conclusione del corso gli studenti dovrebbero aver conseguito la capacità di tradurre con sicurezza testi latini, con un'analisi linguistica, stilistica e filologica, che li metta in grado di sviluppare autonomia di giudizio nella loro comprensione e valutazione.
Al termine del corso lo studente dovrebbe aver sviluppato capacità di operare collegamenti anche interdisciplinari e capacità apprendimento necessarie per intraprendere studi successivi nell'ambito delle discipline classiche.

Prerequisiti

Il corso presuppone l'acquisizione di 10 crediti nel SSD Lingua e Letteratura Latina. Per chi avesse già acquisito 18 crediti nello stesso SSD è necessario il superamento di una prova scritta preliminare.

Contenuti dell'insegnamento

La clementia tra politica e filosofia
Il corso intende delineare il significato di clementia e la sua evoluzione dall’età repubblicana all’età imperiale, nell’ambito del linguaggio politico e filosofico. Si analizzerà il concetto di clementia in rapporto, ad es., a misericordia, indulgentia, mansuetudo e ci si soffermerà soprattutto sulla clementia Caesaris e la clementia principis, attraverso la lettura di testi di autori dal I sec. a.C. al I sec. d.C.

Una parte dell’insegnamento sarà dedicata all’approfondimento di alcuni capitoli di morfologia storica della lingua latina.

Bibliografia

Parte monografica:
I testi e la bibliografia relativa saranno indicati durante le lezioni.
Parte Istituzionale e letture domestiche:
A. Traina – G. Bernardi Perini, Propedeutica al latino universitario (capitoli VI, VIII, IX), Bologna Pàtron, 1998.
Virgilio, un libro dell'Eneide a scelta tra quelli non ancora oggetto di esame;
un classico in prosa da concordare con il docente.

Metodi didattici

Si affronterà la lettura diretta e l'interpretazione approfondita dei testi del corso monografico nelle lezioni frontali, che saranno supportate da altre attività di didattica assistita organizzate tenendo conto delle particolari esigenze degli studenti che seguiranno l'insegnamento. Attraverso le lezioni frontali gli studenti saranno avviati ad un approccio metodologico ai testi che tiene conto del genere letterario e delle caratteristiche peculiari dell'autore.

Modalità verifica apprendimento

La verifica avviene in sede di esame finale che consiste in una prova orale su tutte le parti del programma.
Saranno valutate:
- la sicurezza nella lettura e nella traduzione dei testi latini proposti (con l’individuazione dei fenomeni fonologici, morfologici e della struttura sintattica);
- la capacità di analizzare e interpretare criticamente il testo, di rielaborare i contenuti e di operare collegamenti anche interdisciplinari;
- la chiarezza espositiva, la proprietà di linguaggio, l'uso del lessico specialistico, la pertinenza delle risposte rispetto alle domande poste.
La sufficienza sarà raggiunta se sarà soddisfatto pienamente il primo criterio di valutazione e in caso di risposta corretta al 60% delle domande poste, nel rispetto degli altri criteri sopra enunciati.